L’AMACA del 22/10/2013 (Michele Serra).

Triskel182

Si capisce il dovere di cronaca. Si capisce, anche, la libera circolazione delle idee, comprese quelle meno commendevoli. Ma ciò che davvero colpisce, nella lunga e sgradevole vicenda di Priebke, è che hanno goduto e ancora godono di uguale spazio, e quasi di uguale dignità, le parole delle vittime e quelle dei carnefici, dei loro eredi politici, dei loro amici. Come se il dibattito fosse ancora in corso; e la questione, tra fascismo e antifascismo, fosse ancora aperta, o riaperta. L’avvocato che dichiara, soddisfatto, di averla fatta sotto il naso “agli ebrei” è pur sempre l’avvocato di un nazista; ma nel tran tran dei titoli, nello stillicidio dei notiziari, diventa un personaggio come gli altri, manco si fosse a “Forum”, o in un ameno talk-show dove ognuno dice la sua, seduto sulla sua spettabile poltrona.

View original post 69 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...